La ricerca della felicità

Nella sua lunga storia, l’uomo si è sempre chiesto dove trovare e come raggiungere la felicità, si è sempre chiesto se questo stato di pienezza coincida con qualche bene terreno. La stessa ricerca scientifica, in ogni sua forma, si propone di contribuire al raggiungimento di questo obiettivo: «tutte le scienze e le arti – afferma Tommaso d’Aquino nel Commento alla Metafisica di Aristotele – si orientano verso un unico fine, la perfezione dell’uomo, cioè la sua felicità» (proemio). Insomma, l’uomo in tutti i modi cerca di placare la sua sete di verità e il suo desiderio di infinito.

Secondo quanto dice Agostino, nel primo libro delle Confessioni, questo “vuoto del cuore” non può essere riempito da nessun bene finito: l’uomo può trovare il suo appagamento solo in un bene infinito. Celebri sono le sue parole, ma vale la pena riportarle: «Ci hai fatti per Te e inquieto è il nostro cuore finché non riposa in te» (I,1,1). La filosofia si presenta come ricerca di questo bene infinito e il filosofo è, per Agostino, colui che ama questa ricerca e che ordina tutte le cose in vista del fine ultimo trovato; è la ricerca in definitiva della causa prima, causa che coincide con quell’Essere che è il Principio e il Fine di ogni cosa. In questo modo, dunque, «la filosofia, in quanto colma i desideri di sapere dell’uomo, contribuisce al suo perfezionamento; e in quanto si mette al servizio dell’amore, un amore intelligente e libero, facilita il raggiungimento di quella pienezza di vita, dalla quale derivano le gioie più nobili e imperiture. E così, nel senso classico e nel senso moderno, genera felicità» (T. Melendo, Metafisica del concreto, Leonardo da Vinci, Roma 20052, p. 40). Ovviamente questo non vuol dire che dobbiamo disprezzare le gioie terrene; anche in questo caso vale il principio aristotelico secondo cui la virtù sta nel mezzo: bisogna gustare le piccole felicità della terra certamente, ma non assolutizzarle. E ciò per due motivi: il primo perché i beni terreni e le relative gioie passano, il secondo perché ciò che per sua natura è finito non può sostituire l’infinito a cui tendiamo secondo le parole di Agostino. Severino Boezio in uno dei suoi testi più celebri, così si esprime: «Ora, se, come ho mostrato poco fa, esiste un certo tipo di felicità imperfetta, derivante da un bene poco consistente, non ci può essere dubbio che ne esiste una piena e perfetta. La conclusione – dissi io – è quanto mai sicura e vera. E le [la filosofia]: Per conoscere da che parte abiti – riprese – segui queste considerazioni. Che Dio, l’essere superiore a tutti, sia buono, lo sta a provare il modo di concepire comune alle menti umane; dal momento, infatti, che non si può concepire nulla di più buono che Dio, chi potrebbe dubitare che sia buono quello di cui nulla è più buono? E che Dio è buono la ragione lo dimostra in modo tale da indurre a credere che in lui sia posto anche il perfetto bene. Difatti, se così non fosse non potrebbe essere il fondamento di tutte le cose […] Perciò […] si deve ammettere che in Dio sommo sia la pienezza del sommo e perfetto bene; ma noi abbiamo dimostrato che il perfetto bene coincide con la vera felicità: ne deriva quindi necessariamente che la vera felicità si trova nel sommo Dio» (La consolazione della filosofia, Bur, Milano 200511, p. 229-231).

Certo, determinate circostanze storiche possono in parte anestetizzare la coscienza dell’uomoe renderlo, in un certo senso, incapace di porre attenzione su ciò che è essenziale, ma basta poco per risvegliare questo desiderio, il desiderio di conoscere, come dice Agostino, la sola realtà che rende felici, la Misura che colma ogni vuoto del cuore e che solo l’uomo può possedere:

«Dunque, come la verità è figlia della misura, così la misura si riconosce dalla verità; non sono quindi mai esistite una verità senza misura e una misura senza la verità. Chi è il figlio di Dio? È detto: la Verità. Chi altri dovrebbe essere ingenerato se non la Misura suprema? Pertanto chiunque per la via della verità sia pervenuto alla Misura suprema è felice. Questo per l’animo umano vuol dire possedere Dio, goderne pienamente. Gli altri esseri, benché siano in potere di Dio, non Lo possiedono» (La felicità, Bur, Milano 20013, p. 87).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...