Ordo amoris. La prudenza: “auriga virtutum”

La prudenza è la prima delle quattro virtù cardinali, è la retta ragione che stabilisce le cose da farsi. I medievali dicevano: «prudentia est auriga virtutum», proprio per evidenziarne l’importanza.

Essa – come spiega Tommaso – porta non solo «a ben deliberare intorno a ciò che interessa tutta la vita di un uomo», ma anche intorno «al fine ultimo della vita umana» (Summa theologiæ, I-II, q. 57, a. 4, ad 3um).

Si comprende quindi perché sia così importante: la scelta di quanto è giusto per raggiungere la propria perfezione spetta proprio a questa virtù. Il linguaggio comune esprime bene questo punto: difatti, prudente è la persona che si comporta valutando bene le situazioni, scegliendo in modo opportuno, accorto ed equilibrato, cercando di calcolare le conseguenze delle proprie azioni ed evitando ciò che è inutile e rischioso.

Questa virtù è molto importante per gli uomini politici che si trovano spesso a deliberare per il bene della società intera. Come dice Dante Alighieri:

«Dalla prudenza vegnono li buoni consigli, li quali conducono sé e altri a buono fine nelle umane cose e operazioni».

Convivio, IV, 27, 6

Giovanni Covino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...