L’arrivo del comandante, il fantasma del 4-3-3 e l’ossessione bianco-nera

La prossima partita, Napoli-Juventus, dovrà certificare lo stato di salute del Napoli: guarigione o malattia cronica? La coppa ci ha detto di un Napoli ordinato e applicato, soprattutto in fase difensiva. E non è una novità. Come ho avuto modo di dire, il Napoli, al di là del modulo, ha mostrato svariate volte le sue qualità. Poi le cose si sono complicate.

Certo è che la squadra (prima con Carlo Ancelotti, poi con Gennaro Gattuso) e una parte della tifoseria hanno vissuto rincorrendo un fantasma, il fantasma del 4-3-3 di sarriana memoria. Una rincorsa, a mio giudizio, inutile. Chi scrive, infatti, era ed è convinto della necessità di una svolta e della possibilità di un Napoli diverso. Nuovi orizzonti.

In attesa della crescita definitiva, domenica vedremo in carne ed ossa il fantasma del 4-3-3: il comandante sarà a Napoli, tra quelli che l’hanno osannato, divinizzato non solo per le belle partite, ma anche (in alcuni casi soprattutto) per la lotta contro i c. d. “poteri forti”. Un’antica ossessione che si affianca a quella del modulo e della retorica vittimistica che si sintetizza con la frase “è sempre così”.

Il comandante ritorna a Napoli come allenatore della squadra “nemica” e ritorna da vincitore – come ha scritto Gallo su Il Napolista. E da vincitore andrà via, se il Napoli non sceglie di essere più di un allenatore, più di un giocatore. Come la Juventus.

Giovanni Covino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...