Antonio Livi: senso comune e metafisica. In ricordo di un maestro/1

Propongo ai lettori di Briciole filosofiche questo ricordo di mons. Antonio Livi. L’Autore – che ha conosciuto e lavorato con Livi – ci parla della nozione filosofica di senso comune e dell’importanza della stessa per la metafisica. Un altro articolo sul “gusto della sapienza” [Giovanni Covino].


Molti sono stati i ricordi di mons. Antonio Livi susseguitesi nei giorni immediatamente seguenti la sua morte. C’è chi ha voluto ricordare vicende personali, chi ha ricordato la sua collaborazione con San Giovanni Paolo II alla stesura dell’enciclica Fides et ratio, chi, per malafede o ignoranza, non so di questo fatto, lo ha dipinto come un fanatico bigotto giunto alle soglie del terzo millennio da non si sa precisamente quale epoca oscura, se mai sia davvero esistita un’epoca oscura che non si sia autoreferenzialmente definita “illuministica”.

Ebbene, per quel che mi riguarda, non ricorderò fatti o eventi di natura personale. Il mio ricordo di questo autentico interprete del sapere filosofico e della philosophia perennis vuole consistere tutto nel ricordare i cardini del suo pensiero, le tappe della sua speculazione, e non cronologicamente (per non peccare di contestualismo storicistico, che lui ha così ben confutato tra le altre cose) ma proprio teoreticamente.

Tutta la speculazione di Livi gira intorno a tre macro-tematiche fondamentali: il rinvenimento e la giustificazione epistemica del sensus communis, la definizione della metafisica in rapporto al senso comune stesso e lo statuto epistemologico della Sacra Doctrina in quanto scienza.

Riservandoci la possibilità di trattare della riflessione teologica di Livi in un altro momento, ci occupiamo adesso di tracciare delle linee guida circa i cardini del suo lavoro squisitamente filosofico.

Una nozione controversa: la vera definizione di sensus communis nell’opera di Antonio Livi

Una nozione controversa non in sé e per sé, ma in relazione a chi non l’ha capita! C’è stato chi malamente citando I Promessi Sposi ha voluto contrapporre il senso comune di cui parlava Livi al “buon senso” manzoniano, senza rendersi conto che se non si vuol ridurre lo stesso buon senso ad intuizionismo irrazionale si deve proprio presupporre l’oggettività e universalità di quelle prime evidenze che costituiscono le point de départ della meta-scienza e le basi solide su cui deve poggiare la stessa scienza “fisica”: evidenze che costituiscono proprio un’intelligenza primordiale e fondamentale.

In altri termini, il sensus communis, quale intelligenza primordiale e fondamentale (e non vaga intuizione a-intellettuale), viene a configurarsi anche come il fondamento epistemico della conoscenza mediata sia essa diretta o indiretta. E a proposito della filosofia:

«La filosofia nella logica della “scienza”…come conoscenza “seconda” è tanto più rigorosa e valida quanto più è capace di riconoscere e utilizzare pienamente i suoi presupposti, contenuti nella conoscenza “prima”. Anche per la filosofia, pertanto, si pone il problema di fondare la propria verità attraverso la ricognizione critica del proprio punto di partenza[…]si consideri ancora una volta che nessuna conoscenza precede quella delle cose…; il soggetto conoscente non dispone di alcun criterio razionale per distinguere nell’oggetto di conoscenza ciò che è evidente perché appare e ciò che potrebbe (per ipotesi assurda) esserci ma non appare. In altri termini, la distinzione kantiana implica una presupposizione che non si può dare, cioè che sia possibile un confronto tra tutto ciò che (di fatto) conosciamo e qualcosa che (ipoteticamente) appartiene all’oggetto ma non conosciamo».

A. Livi, La ricerca della verità, Roma 2003, pp190 e 197-198

Stabilita pertanto l’ineludibilità delle evidenze (specialmente la prima) del senso comune, la “filosofia del senso comune“ verrà a determinarsi come teoria rigorosa anche per una ulteriore determinazione dell’impossibilità del regresso all’infinito nel processo scientifico che troviamo tematizzato già in Aristotele, il quale ha scritto tra l’altro:

«Dico dimostrazione il sillogismo scientifico; dico scientifico quel sillogismo in base al quale, per il fatto di possederlo, abbiamo scienza. Allora…è necessario che la scienza dimostrativa proceda da protasi vere, prime, immediate, più note, anteriori e cause delle conclusioni…Il sillogismo infatti sussiste anche senza queste condizioni, mentre la dimostrazione non può sussistere senza di esse, giacché non produrrebbe scienza».

Aristotele, Analitici Secondi, I2,71 b 9-25

e ancora K.Godel, che a proposito della necessità per la stessa matematica di risalire ai fondamenti ha detto:

«gli assiomi non sono arbitrari, ma devono essere…evidenti senza dimostrazione. Non c’è via di fuga dall’obbligo di assumere certi assiomi o certe regole di inferenza come evidenti senza dimostrazione».

K. Godel, Alcuni teoremi basilari sui fondamenti della matematica e loro implicazioni(1951), in K.Godel, Opere, Vol.3, Bollati Boringhieri Torino 2006, P.286

Il senso comune, così come ne tratta Livi, dunque non è affatto confondibile con quello di cui tratta T. Reid. Livi infatti risolve le fallacie dello scetticismo mostrando proprio come qualsiasi scepsi degna di tal nome presuppone i cinque giudizi primordiali e fondamentali della stessa intelligenza umana proprio per aver senso e non essere materialmente incoerente ed inconsistente, logicamente illegittima, una non-scepsi per parlar chiaro.

Altra critica, collegata a quest’ultima, è quella di chi vede nel sensus communis un espediente di pigrizia o di dogmatismo inoculato nella ricerca filosofica. Anche qui siamo difronte ad una incomprensione assoluta della stessa logica liviana. Infatti per il filosofo di Prato: 1) si rinviene ai cinque giudizi del senso comune grazie ad una fenomenologia degli atti conoscitivi portata avanti grazie alla logica aletica o logica materiale e logica della presupposizione; 2) il sunsus communis non è la prima ed ultima parola ma implica la sua tematizzazione formale che, come vedremo, è la metafisica e la riflessione filosofica; 3) anche le scienze che non tematizzano direttamente il sensus communis, le scienze cosiddette particolari, lo presuppongono non evidentemente come insieme di premesse da cui sviluppare apoditticamente conclusioni varie ma come condizione fondamentale della loro sensatezza stessa proprio in quanto ricerche sul mondo e l’uomo. Per capirci possiamo fare un esempio: la metafisica presuppone il senso comune come la casa presuppone la struttura fondamentale su cui erigere poi mura e tetto e quant’altro. Le scienze seconde lo presuppongono come l’arte di arredare la casa presuppone la casa, senza derivare direttamente da essa. Chiunque, già a questo punto, può facilmente rendersi conto dell’assenza di qualsiasi giustificazione di un presunto dogmatismo filosofico, dogmatismo che si ritrova più nel criticismo kantiano che nell’epistemologia di matrice realistico-tomista.

Poniamoci allora una domanda primaria: come vediamo la necessità di ammettere l’esistenza di un insieme di certezze basilari oggettive e universali? Uno dei modi è il seguente: vedendo che c’è scienza da parte dell’uomo e questa scienza ha nel procedimento dimostrativo la sua struttura logica fondamentale (che siano ragionamenti induttivi o deduttivi ora non importa) e che non si può regredire all’infinito nella concatenazione di premesse e conclusioni pena l’impossibilità di ottenere qualunque dimostrazione, compresa la dimostrazione che non si dà dimostrazione alcuna. Chi non accetta tale ragionamento deve concludere: o che è Dio e dunque per aver scienza di tutto non ha bisogno di passare da premesse a conclusioni; o che è una pianta, una pietra, un organismo unicellulare che non ha affatto scienza. Ma se prova a rispondere a questa obiezione, avrebbe poi, volente o nolente, necessità logica di argomentare e dunque sarebbe in auto-contraddizione.

Metafisica e senso comune: dall’implicito all’esplicito, dall’informale al formale

Poiché il senso comune non è l’ultima parola della conoscenza umana, bisognerà chiarire in cosa consiste la sua relazione con la scienza in quanto sistema formalizzato di affermazioni. In modo particolare bisognerà chiarirne il rapporto con la riflessione filosofica principale che è quella metafisica. Garrigou-Lagrange, ne Il senso comune (edizione italiana a cura di Antonio Livi&Mario Padovano, Roma 2013), già aveva definito il senso comune come filosofia dell’essere allo stato rudimentale, insomma una metafisica implicita. “Implicita” significa “non formalizzata né approfondita”. Materialmente infatti i giudizi di senso comune sono di subjectum metafisico, ossia il loro contenuto riguarda verità metafisiche innanzitutto. Tuttavia non presenta gli sviluppi di questi contenuti se non in maniera potenziale. E’ qui che inizia la vera e propria critica filosofica che conduce appunto alla formalizzazione metafisica. E Livi è chiaro su questo punto, come ad esempio in un passo di Metafisica e senso comune (Roma 2010, pp.21-32):

«Anche quei pochi che riconoscono il nesso necessario tra metafisica e senso comune tralasciano però di mettere nel giusto rilievo il carattere aletico di questo nesso…quando il “senso comune”, come “metafisica spontanea”, si incontra con una proposta speculativa avanzata dalla “metafisica scientifica”, se quest’ultima non si è posta in programmatica contraddizione con il senso comune, si verifica un processo di “riconoscimento” dei problemi affrontati…Il referente di fondo del discorso svolto dalla “metafisica scientifica” è riconosciuto infatti come coincidente con tutto ciò che la “metafisica spontanea” ritiene sempre vero e importante…realtà indubitabili nel loro esserci».

A. Livi

 In metafisica, ad esempio, uno dei concetti più importanti, anche se purtroppo dai più disconosciuto, è quello di actus essendi ed esse ut actus. Ebbene Livi é stato sempre convinto che tale nozione (nozione intensiva dell’essere) fosse contenuta nell’ambito dei giudizi primari. Ma in che modo? Livi risponde: potenzialmente, come il meno noto quoad nos è contenuto nel più noto quoad nos, come implicato.

Si tratta dunque di passare all’esplicitazione. Da parte mia ebbi già modo di sottolineare questo punto del pensiero liviano, facendo notare come il filosofo toscano teneva distinte tra loro le nozioni di existentia e di esse ut actus:

«le riserve circa la tendenza in Livi di accentuare l’est dell’id quod, il sunt delle res, sono superate proprio perché, evitando il filosofo toscano di confondere l’esistenza delle cose con l’actus essendi…tiene distinte le due nozioni».

«Primum cognitum ed esse ut actus nel sistema di logica aletica di Antonio Livi», in Realismo e fenomenologia, a cura di M. Mesolella, Roma 2012, pp.63-69

Livi infatti aveva già precisato in Filosofia del senso comune (Roma 20183, p.81):

«Così come lo intendo qui, il primum cognitum è il risultato di una esperienza immediata dell’essere in atto delle cose; ma non si tratta certamente, per dirla con la terminologia di Cornelio Fabro, dell’essere come atto (nozione metafisica di carattere universale)».

A. Livi

La metafisica intesa come autentica filosofia dell’essere verrebbe a configurarsi allora anche come uno sviluppo omogeneo del senso comune,  passando dall’informale al formale:

«Il pensiero metafisico consiste principalmente nella formalizzazione concettuale di ciò che nell’esperienza originaria è materialmente contenuto ma non formalmente espresso».

A. Livi, Metafisica e senso comune, cit., p. 84

Fr. Mario Paolo Maria Padovano op

Segue seconda parte

Antonio Livi: fede e teologia. In ricordo di un maestro/2



Antonio Livi

25 agosto 1938 – 2 aprile 2020

Un pensiero su “Antonio Livi: senso comune e metafisica. In ricordo di un maestro/1

  1. Pingback: Antonio Livi: Fede e teologia. In ricordo di un maestro/2 | Briciole filosofiche

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...